Dopo una fragile ripresa un nuovo tracollo per il mercato immobiliare

Aveva fatto ben sperare la timida ripresa del mercato del mattone registrata nei primi mesi del 2014, ma come sempre le brutte notizie aspettano la fine dell’anno per fare capolino. Poche ore fa la pubblicazione dei dati Istat ha confermato ciò che era già nell’aria da alcuni mesi, ovvero un nuovo tonfo del mercato immobiliare che registra -3,1% per le compravendite di abitazioni e -3,2% per gli immobili per le attività economiche, dati negativi che colpiscono soprattutto le isole -9,7% e il sud -5,4% dati addirittura peggiori rispetto alla media nazionale.

Si tratta di dati che sono relativi al secondo trimestre del 2014, ma che influenzano negativamente tutto l’arco dell’anno con un calo dell’1% su base annua.

 

Al contrario sembra che siano aumentati i mutui e questo risulta abbastanza positivo. Ma se i mutui aumentano ma l’acquisto degli immobili cala, qual’è la soluzione per questo mercato?

 

Come al solito bisognerà guardare i paesi esteri per capire l’andamento di questo mercato, ultimamente in molti paese europei, ma anche in America, il mercato immobiliare ha subito notevoli cambiamenti, che al contrario da noi non si sono riscontrati. Si cerca di puntare su materie prime differenti dal mattone che abbiano un costo minore e un impatto ambientale migliore, il risultato di questi cambiamenti sono le case prefabbricate in legno.

 

Si tratta di abitazione che esteriormente e a prima vista non si differenziano da quelle realizzate con materiali più classici, ma che mostrano dei notevoli vantaggi, soprattutto economici.

Hanno sicuramente un prezzo più basso e quindi risultano più facilmente accessibili anche per persone che a causa della crisi non hanno più un alto tenore di vita. Le case in legno sono veloci da realizzare e questo si traduce in minori spese di mano d’opera, essendo dei prefabbricati una volta realizzati i pezzi, in loco vengono solo montati e non realizzati da zero. Ciò influenza notevolmente anche i preventivi di spesa che risultano essere precisi e non riservano brutte sorprese, come invece accade sempre se si utilizza il mattone.